Menu

Pieraccioni: “Io posso vedere Marilyn”

pieraccioni-marilynPrendiamo un 44enne toscano che si occupa di piscine, l’uomo ha il desiderio di riconquistare sua moglie, che ha deciso di lasciarlo prendendo via con sé anche la figlia 15enne, creandosi poi una nuova vita con un altro uomo, completamente opposto all’ex marito.
Tutto cambierà quando una sera, dopo essere uscito a cena con una coppia di amici gay, l’uomo si troverà coinvolto in una seduta spiritica dove, si metterà in contatto con la divina Marilyn Monroe.


Non è un racconto, ma la trama del nuovo film di Leonardo Pieraccioni, in uscita il 18 dicembre al cinema: “E’ la prima volta che mi confronto con il genere fantasy.Mi sono divertito ad immaginare che il protagonista della nostra storia potesse contare questa volta per le sue pene d’amore sulla più autorevole delle possibili consigliere: Marilyn Monroe”.
E sarà stato facile trovare la perfetta sosia della bellissima e intramontabile Marilyn?
“Ho digitato su un motore di ricerca di Internet le parole sosia di Marilyn ed è venuto fuori un vero e proprio clone che in un primo tempo avevo scambiato per l’originale. Si tratta di Suzie Kennedy, londinese, 32 anni, impegnata da sempre a valorizzare l’incredibile somiglianza con la diva americana: abbiamo dovuto bloccarla con grande anticipo per le date previste per le riprese del nostro film altrimenti sarebbe stata comunque in giro per il mondo in tournée”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *