Menu

Unicredit: pronto l’aumento di capitale

L’operazione di aumento di capitale da 4 miliardi di euro con ogni probabilità partirà lunedì prossimo assieme alla trattazione dei diritti di opzione e alle prime riunioni tecniche per la definizione delle modalità di ricapitalizzazione. Questione di ore e arriverà anche il via libera della Consob, poi giovedì 7 gennaio ci sarà il consiglio di amministrazione di UniCredit per decidere sul rapporto di cambio azioni nuove/azioni vecchie e prezzo di emissione. I diritti di opzione potranno essere esercitati, pena la decadenza, dall’11 al 29 gennaio 2010 in Italia e in Germania, dal 14 al 29 gennaio in Polonia, e saranno negoziabili sul Mta.

L’orientamento dell’amministratore delegato Alessandro Profumo è quello di emettere azioni a sconto, con un discount del 25% rispetto alle attuali quotazioni Unicredit. Sicuramente ci sarà un braccio di ferro sul prezzo delle nuove azioni, che le banche incaricate del collocamento vorrebbero tenere il più basso possibile per favorire l’entrata di sottoscrittori nuovi.

Tra gli azionisti la Fondazione Crt ha già fatto sapere l’intenzione di aderire, anche se a quote ridotte rispetto a quelle attuali, la Carimonte Holding sembra dello stesso avviso, mentre grande attenzione è rivolta al primo socio di UniCredit, la CariVerona, che un anno fa si era sottratto alla primo aumento di capitale tramite l’emissione di obbligazioni di tipo cashes. Resta qualche dubbio legato all’ente veronese, ma sembra che alla fine non farà mancare il proprio sostegno all’operazione.

Giuseppe Raso

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *