Menu

E’ già tempo di polemiche per Povia e il suo brano di Sanremo

Lo definiscono troppo furbo per presentarsi al Festival di Sanremo con il brano “La verità” sul caso di Eluana Englaro; nella scorsa edizione si presentò con la canzone “Luca era gay”, e anche in quel caso si scatenò un vero e proprio evento mediatico e polemico contro di lui.

“E quelli che scrivono canzoni d’amore per essere sicuri di andare in classifica? Mi accusano di volermi fare pubblicità e pubblicano testi falsi, come ha fatto ‘La Repubblica’. Oppure dicono, come ha scritto il ‘Corriere’, che io non li farò pubblicare da Sorrisi nel numero pre-sanremese. Falso. I lettori di Sorrisi leggeranno il testo in anteprima nel numero in edicola il 9 febbraio. E come l’anno scorso con ‘Luca era gay’, si sono messi a polemizzare senza conoscere il brano. Sono furbo io o ne approfittano i giornalisti?”, dice Povia.

Si difende spiegando ciò che gli passa per la testa, ma subito dopo fa scattare lui stesso una piccola polemica in merito al possibile vincitore del Festival: “Il premio della critica lo vince Morgan. Che finalmente presenterà un pezzo inedito!”
Il suo brano sarà una sorta di lettera scritta dalla ragazza morta ai genitori; per questa canzone ha chiesto il permesso Beppino Englaro, il padre di Eluana: “L’ho contattato nel modo più normale, ho cercato il suo numero di telefono, l’ho chiamato, ci ho parlato, poi sono andato a Lecco per incontrarlo e non ha nemmeno voluto sentire la canzone. Mi ha detto ‘Io non blocco gli artisti, vai pure avanti’”.
Ciò che non passerà inosservato, soprattutto alla Chiesa, è il tentativo di Povia di prendere una posizione a favore della sospensione dell’alimentazione forzata.

Alessandra Battistini

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *