Menu

La Lamborghini è amica dell’ambiente

La Lamborghini promette di tutelare l’ambiente, e il primo passo per farlo è stato l’inaugurazione dell’impianto fotovoltaico installato sullo storico stabilimento di Sant’Agata Bolognese. L’impianto ridurrà del 30% le emissioni dello stabilimento, affiancato anche da altre soluzioni di risparmio, come ad esempio l’isolamento termico della copertura.

Il tutto è avvenuto alla presenza del Prefetto di Bologna Angelo Tranfaglia, dell’Assessore all’Ambiente della Provincia Emanuele Burgin, di tutto il Consiglio Direttivo di Lamborghini, del Presidente di Volkswagen Group Italia, Giuseppe Tartaglione, e del Presidente di Automobili Lamborghini Stephan Winkelmann che ha premuto personalmente il pulsante di accensione dell’impianto.

Lo stesso presidente e amministratore delegato annuncia: “Una riduzione del 50% delle emissioni di CO2 prodotte dallo stabilimento, un programma che va di pari passo con un miglioramento delle emissioni dei veicoli prodotti, destinate a calare del 35% entro il 2015″. L’obiettivo principale è dunque quello di ridurre del 50% le emissioni, ma già oggi c’è stato un grande passo. L’impianto installato sul tetto misura ben 17000 metri quadri e permette di raggiungere una potenza complessiva pari a 1,4 Megawatt. Si tratta del più grande impianto fotovoltaico integrato del settore industriale dell’Emilia-Romagna.

Nell’ingresso della fabbrica sarà ora presente un monitor che registrerà i kilowatt prodotti e la quantità di CO2 ridotta grazie ai pannelli. Dopo pochi minuti dall’accensione dell’impianto si potevano leggere già 22 kwh prodotti e 12,18 kg di carbonio in meno nell’aria. I dati saranno inoltre disponibili anche sul sito ufficiale della casa.

Ma gli impegni per l’ambiente non si fermano qui, e continuano su strada. Infatti la casa sta studiando in tutti i modi come ridurre le emissioni di CO2 delle proprie vetture; le ricerche si basano principalmente su: riduzione del peso della vettura, miglioramento della combustione, riduzione degli attriti, impiego di sistemi Start and Stop, soluzioni di trasmissione ibrida e impiego di carburanti bio. Molto nota è la collaborazione con l’University of Washington e Boeing Company per studiare le fibra di carbonio, materiale perfetto per la diminuzione del peso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *