Menu

Anche Noemi parla di Morgan

Lo sapevate che Pippo Baudo rifiutò la sua canzone, “Briciole” che poi divenne un successo pazzesco? Per il prossimo Sanremo, Noemi si prende una bella rivincita: del resto che cosa si può dire di negativo su di lei? E’ brava, con una voce suadente e che cattura. Ha saputo non montarsi la testa nonostante il disco d’oro e nonostante il successone dei suoi singoli, “Briciole” e “L’amore si odia” (con Fiorella Mannoia).

“Ho vinto SanremoLab però poi non mi hanno scelta tra quelli che sarebbero dovuti salire sul palco e gareggiare tra i giovani. La cosa buffa è che io mi ero presentata con “Briciole” che poi è stato il mio primo singolo, non so se lo hai mai sentito”, commenta ironicamente e con un pizzico di malizia, “Però sono contenta che c’è stata la rivincita. E poi è proprio un onore per me davvero salire sullo stesso palco sui cui si è esibita Mia Martini, che io adoro, o Madonna o altri ospiti internazionali di grande livello. È un teatro pieno di storia”.

Il Festival sarà all’insegna dei protagonisti di X Factor, Neomi troverà il vincitore Marco Mengoni e forse rimpiangerà la mancata partecipazione di Morgan: “Sono molto contenta che ci sia Marco. Anche perché credo che una voce come la sua mancasse nel panorama italiano, perché è veramente agile. Poi mi è piaciuto anche come ha cantato il mio pezzo a X-Factor, con una sua visione, molto personale. Io lo rispetto e lo ammiro molto. Poi l’ho incontrato ed è veramente simpaticissimo”.
E parlando proprio di Morgan decide di schierarsi, raccontando il suo punto di vista: “Morgan è una persona molto portata a raccontarsi, spesso però sbaglia perché non si rende conto che spesso dall’altra parte non c’è una persona che ha la sensibilità di capirlo. E infatti poi lo sbatte in prima pagina. Evidenziando solo due frasi che magari in due ore di discorso ha buttato là. Morgan ha sicuramente sbagliato a parlare di utilizzo terapeutico della cocaina, però ci vuole rispetto per una persona che per comportarsi in questo modo ha sicuramente delle problematiche importanti. Tra l’altro Marco (Morgan, ndr.) è papà di una bambina di 7 anni che sinceramente dovrebbe essere tenuta lontana da queste parole, il tam tam mediatico andava evitato, per rispetto nei suoi confronti. Tutto quello che c’è stato intorno a questa vicenda mi è sembrato esagerato. E poi francamente si poteva anche non pubblicare. Pensa al ragazzino di 14 anni che sfoglia Max e legge quelle cose. Facile fare lo scaricabarile e dire: l’ho pubblicato perché l’ha detto lui”.

Alessandra Battistini

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *