Menu

“Mamma Ornella non mi raccomanda”, parla il figlio della Muti

Tale mamma, tale figlio: sembra che Andrea Fachinetti voglia a tutti i costi seguire le orme della mamma, e che mamma: Andrea é il terzogenito di Ornella Muti, un figlio devoto alla mamma e particolarmente legato alla sorella e alla sorellastra.
Il giovane “figlio famoso” ha infatti debuttato al cinema al fianco di Michele Placido e Margherita Buy nel film di Giovanni Veronesi “Genitori e figli: agitare bene prima dell’uso”.

Il giovane Andrea racconta dei suoi provini, dice di averne fatti tre per convincere il regista Veronesi a sceglierlo per il ruolo del ribelle figlio del professore interpretato da Placido
“E’ entrata in gioco la fortuna di avere una mamma attrice, con una carriera importante alle spalle. Sarebbe stato stupido non farsi aiutare, mi ha dato i consigli giusti. Al primo provino Giovanni non sapeva nemmeno che ero figlio di Ornella Muti. Lei non è una che raccomanda. Però ho avuto a disposizione un “coach” tra i migliori che si possono avere”, spiega lui.

Essere un figlio d’arte ha di certo i suoi pro e i suoi contro, ma lui dice che l’unico fastidio per lui é stato legato ai suoi amici, amici che spesso gli svelavano particolari fantasie in merito a lei.
E anche a lui é stata posta la domanda in merito all’improvviso “cambiamento” di Ornella: “Mamma è una che vive a dieta da quando ha 15 anni. Tiene al suo fisico come mai ho visto fare a nessuno. Ha mangiato macrobiotico per anni, non usa olio, sale, fa tutto il possibile per tenersi in forma. Poi ora ha cambiato colore di capelli e tutti subito a puntare il dito su chirurgia e interventi estetici. Semplicemente ha trovato la dieta giusta, che l’ha fatto tornare alla forma dei suoi 20 anni. E quando dimagrisi così tanto ma in maniera sana, mirata, ovvio che cambia anche la fisionomia del viso”.
E in merito al suo futuro invece conclude dicendo: “Il mio sogno è quello di essere un attore completo, il più versatile possibile. Ho solo un po’ paura del cinepanettone perché temo il giudizio degli altri. Ma è una mia insicurezza, lo ammetto, non voglio togliere nulla a un genere che ha fortuna da vent’anni. Per il resto qualsiasi ruolo è buono, se lo fai bene ti può giovare”.

Alessandra Battistini

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *