Menu

Celentano difende Morgan ad “Annozero” e scattano le polemiche

Ieri sera é andata in onda la trasmissione “Annozero” che, non potendo parlare di politica si concentra sul mondo della musica, e le polemiche per quanto é successo pare che non si vogliano fermare. Per quale motivo sono nate le polemiche? Perché ospite della serata é stato la pecora nera Morgan, e di certo la sua presenza, dopo lo “scandalo” della droga non ha fatto piacere a molti.

Per esempio al sottosegretario Carlo Giovanardi, che ha scritto direttamente al presidente della Commissione di vigilanza della Rai, per denunciare la stessa trasmissione.
“Una tv di stato ha fatto la propaganda alla droga. Sembrava una specie di fumeria d’oppio. E’ inutile che il dipartimento faccia politiche attive per la formazione e la prevenzione dell’uso di droghe. Che i sert e le comunità siano impegnati al recupero di 150 mila ragazzi se poi, come ieri sera, nella trasmissione di Santoro assistiamo ad una sorta di fumeria d’oppio, di elogio della droga. La stessa cosa si può dire della trasmissione di Chiambretti. E’ come se di fronte ad un’epidemia, si incitasse la gente ad ammalarsi”.

Ma durante la puntata ne sono successe di tutte i colori, finalmente però tutti hanno avuto modo di poter sentire la voce di Morgan mentre proponeva la sua canzone “La sera”, brano che avrebbe dovuto presentare proprio al Festival.
Sempre durante la trasmissione é intervenuto anche un big d’eccezione come solo il “molleggiato” sa essere: poco dopo le 22 è arrivata la telefonata di Adriano Celentano che, neanche a dirlo, si schiera dalla parte del cantante e parla di Sanremo: “Dopo Emanuele Filiberto, è chiaro che per essere ammessi al Festival non c’è bisogno di essere un cantante. L’anno prossimo ci saranno sportivi, dottori, postini. Non i tabaccai però, perché vendono le sigarette e si sa che le sigarette, come la cocaina, fanno male. Anche se non assunte in dosi eccessive, fanno venire il cancro”.

Alessandra Battistini

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *