Menu

Susan Sarandon ricorda Anna Magnani e dice addio al cinema italiano

E’ una delle attrici più conosciute e più prave a livello internazionale, Susan Sarandon é approdata a Roma e ha voluto parlare del suo amore per alcuni grandi nomi italiani: “Quando ho visto Il Conformista di Bertolucci al college, non ho capito molto ma ne sono rimasta affascinata, così come con Fellini. Anna Magnani ha cambiato la mia idea di come una donna possa essere attraente e sexy. Oggi credo che il cinema italiano non sia più così distinto e diverso”.

Per quanto reali, risulta davvero difficile sentire un’analisi così dettagliata del nostro cinema, un cinema che purtroppo, salvo pochissime eccezioni, pare non avere molto da dire o da raccontare.

La Sarandon, è stata sposata con il regista italiano Franco Amurri, figlio del noto Antonio e da lui ha avuto una figlia di nome Eva. Parla dell’Italia, paese in cui vorrebbe vivere un giorno, allontanandosi dalle luci di Hollywood, per concedersi relax, cibo buono e contatto con la gente “normale”.
Non mancano alcune parole in merito al suo lavoro e soprattutto all’arrivo del 3D: “A volte lavorare il blue-screen è più facile che lavorare con un attore in carne e ossa. Quando è capitato a me di recitare in un film in 3D, Speed Racer, non ho cambiato molto, anche se lavorare con i sensori in faccia per un lungo periodo non è possibile. Non so come abbiano fatto gli attori di Avatar, recitare in quel film deve essere assomigliato più a prendere droghe, ma il risultato è stato ottimo”.

Alessandra Battistini

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *