Menu

Sanremo 2011: il resoconto della seconda serata

Ancora una volta la regia della Rai si dimostra puntualissima: alle 21:15 inizia la seconda serata di Sanremo 2011 dopo una breve anteprima dietro il sipario dell’Ariston sulla falsariga di quella della puntata d’esordio. Ad aprire la scena è il maestro Daniel Ezralow che dirige le danze del suo corpo di ballo in una coreografia elegante e dinamica che termina con le lettere a caratteri cubitali formate dai corpi dei danzatori, davvero di grande effetto. Finalmente è il momento di Gianni Morandi che fa il suo ingresso dalla grande sfera satinata che lo trasporta fino al palco, altra piccola perla della scenografia di Gaetano Castelli. Le prime parole del presentatore di Sanremo 2011 sono rivolte ad Anna Oxa ed Anna Tatangelo, le eliminate della prima serata, riferendo che il record di ascolti era stato raggiunto proprio durante l’esibizione della Tatangelo con ben 17 milioni di spettatori. Segue l’ingresso di Belen Rodriguez che discende fino al palco nell’ascensore vitreo della scenografia in abito nero firmato Fendi, poi arriva Elisabetta Canalis in un elegantissimo abito bianco. I successivi otto minuti sono tutti per le due primedonne e si discute sulla loro presunta rivalità, cosa che entrambe smentiscono vagamente fino a che la Canalis e Belen improvvisamente si schioccano un bacio sulle labbra che lascia il pubblico a bocca aperta e divertito. Arriva il momento di presentare la prima cantante che è Nathalie, in una scaletta completamente stravolta dall’ultima comunicata dagli organizzatori. La ragazza di X Factor se la cava e la sua musica convince anche se stecca leggermente sulle note più alte. Si passa rapidamente ad Al Bano che interpreta la sua Amanda è libera meglio che nella prima puntata ma la canzone sembra sempre più accostarsi a Nel Perdono portata a Sanremo nel 2007.

Giungono sul palco Luca e Paolo che concentrano in pochi minuti i brani più celebri del repertorio di Gianni Morandi e si rivelano discreti anche nel canto oltre che simpaticissimi; passano poi subito a presentare la canzone successiva: Arriverà dei Modà ed Emma Marrone che risulta piacevole e sicuramente il televoto premierà ampiamente come pronosticato e l’accostamento delle due vocalità risulta davvero azzeccato. Tocca poi a Paolo presentare Patty Pravo ne Il vento e le rose, un brano che non offre nulla di nuovo a una diva indiscussa e sempre più interessante e di certo più convincente di Tricarico arrivato subito dopo sul palco vestito di bianco per cantare 3 colori; la canzone convince poco, soprattutto dopo che si è scoperto che era stata proposta per lo Zecchino D’oro e da li chissà come approdata a Sanremo 2011, ma soprattutto Tricarico come sempre accade nei suoi live stona malamente dando un gran da fare ai coristi che cercano di camuffare le pesanti imperfezioni.

Arriva finalmente uno dei momenti più attesi in sala stampa: Belen ed Elisabetta insieme presentano Luca Madonia e Franco Battiato e semplicemente alla pronuncia di questo nome scoppiano applausi emozionanti tra il pubblico. I due alieni di Sanremo 2011 sembrano più che mai fuori luogo in questa manifestazione: il brano L’alieno risente meno di tutti gli altri di quell’impronta orchestrale tipica dei brani sanremesi. Come nella serata precedente Battiato si siede al pianoforte nell’ultima parte della canzone intrecciando la sua voce mantrica a quella più decisa dell’amico Madonia.
E’ poi la volta di Max Pezzali che sembra avere qualche difficoltà ad intonare il ritornello de Il mio secondo tempo, pezzo dalla musicalità tipica della produzione degli 883 e che nel complesso risulta alquanto  martellante. Seguono i La Crus annunciati da Elisabetta Canalis, molto convincenti in Io confesso, un brano per niente scontato che risulta molto apprezzato dal pubblico nonostante risulti un po’ sofisticato per gli standard del Festival.

Con un presentazione degna di una vera star arriva sul palco di Sanremo 2011 l’ospite più illustre della serata, Andy Garcia, discendendo nell’ascensore scenografico e ad accoglierlo ci sono Gianni Morandi con Belen Rodriguez ed Elisabetta Canalis che nel frattempo hanno cambiato abito: azzurro di Fendi per Belen, di un tenue albicocca per Elisabetta con un lungo spacco laterale che mostra le sue bellissime gambe, firmato da Emilio Pucci. Si procede all’intervista di Garcia che rivela di essere sposato da trent’anni e di avere quattro figli e Morandi replica “sei stato un buon marito, non come gli italiani…”, un’uscita che lascia tutti un po’ perplessi. Come spesso accade con questi ospiti il brodo si allunga un po’ troppo e finalmente si conclude con una suonata al piano di Garcia.

Finalmente la gara riprende e salgono sul palco Luca Barbarossa e Raquel del Rosario. La ragazza spagnola se la cava bene ma il pezzo sembra essere un concentrato dello stile sanremese più tedioso in qualche modo cancellato dall’arrivo di Davide Van De Sfroos che risulta una rivelazione di Sanremo 2011; la canzone Yanez è complesso deliziosa e coinvolgente anche se il testo in laghée la rende di difficile comprensione benché sia l’anima della produzione di Van De Sfroos.
Tornano ad occupare il palco Luca e Paolo con una gag riferita a Silvio Berlusconi che però non viene nominato apertamente dirottando i riferimenti a Saviano, Santoro, Gianfranco Fini, Montezemolo ed in fine il Papa, ma il pubblico sembra distratto. Riconquista tutta l’attenzione Roberto Vecchioni che viene annunciato da Morandi tra gli applausi fragorosi del pubblico in teatro. Sulla presenza di Vecchioni a Sanremo c’è poco da commentare; i tre minuti trascorsi sul palco dell’Ariston hanno semplicemente rappresentato l’esaltazione della poesia, quella poesia che ormai sta scomparendo dalla scena musicale italiana ma che torna a graffiare l’anima grazie al genio intellettuale di autori purtroppo in via d’estinzione. Al termine di Chiamami ancora amore il pubblico esplode in un tripudio di applausi e di ovazioni tanto che Vecchioni è stato costretto a tornare sul palco mentre in sala tutti acclamano all’unisono il suo nome e questa volta neppure Gianni Morandi riesce a interrompere l’entusiasmo che fa versare al cantautore qualche lacrima. A chiudere il capitolo dei big è Giusy Ferreri, anche lei molto convincente  ne Il mare Immenso, seguita da una seducente Belen che canta Malo di Bebe mentre si muove sui passi di una sensualissima danza.

E’ finalmente giunto il momento dei giovani a Sanremo 2011: i quattro scelti della serata sono Serena Abrami che mostra talento sulle note di Lontano da tutto scritta da Niccolò Fabi, Anansi che canta la ritmata Il sole dentro, Gabriella Ferrone brava nella sua canzone Un pezzo d’estate e Raphael Gualazzi che osa portare a Sanremo un brano Jazz intitolato Follia d’amore. Al termine dell’esibizione dell’ultimo dei giovani Luca e Paolo intrattengono il pubblico con un esilarante spogliarello virtuale seguiti dalla seconda ospite della serata Eliza Doolittle.
Finalmente arriva il momento di rivelare i giovani promossi alla finalina e senza troppe cerimonie Gianni Morandi annuncia che il televoto ha premiato Serena Abrami e inaspettatamente Raphael Gualazzi; gli eliminati a Sanremo 2011 per la sezione giovani sono Anansi e Gabriella Ferrone.
Dopo una breve parentesi aperta dalla Federazione Italiana di Pole Dance si procede alla rivelazione dei cantanti eliminati nella seconda serata di Sanremo 2011: ad uscire sono Al Bano e Patty Pravo e il pubblico in sala sembra concordare. Alle 00:40 Morandi saluta tutti dando appuntamento alla terza serata che comincerà alle 20:40 in cui i quattro artisti eliminati potranno essere ripescati.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *